Il protocollo della mano funzionale

Dai risultati della revisione della letteratura, dalla raccolta dei dati ottenuti dallo studio multicentrico effettuato nei 14 centri italiani nel 2012, dagli studi italiani sul recupero della mano tramite l’utilizzo della FES e del guanto NESSH200, dalla lettura del nuovo protocollo di Nottwil, si evince la necessità di produrre delle aggiornate Linee Guida Italiane sul recupero dell’arto superiore del paziente con tetraplegia.

A tal fine si è proposto all’interno del gruppo di lavoro di coinvolgere tutti i centri interessati con un lavoro programmatico basato su diversi compiti:

  • traduzione del capitolo relativo alla mano dell’e-learn sul sito dell’ISCOS
  • analisi del protocollo di Nottwil rispondendo ad una serie di domande già stabilite alle quali tuttavia è possibile aggiungere altre considerazioni (è possibile richiederne copia all’Ufficio Formazione)
  • valutazione effettiva dell’introduzione della scala VLT come outcome funzionale condiviso insieme al test muscolare e alla classificazione di GIENS all’interno delle cartelle riabilitative
  • organizzare un workshop sull’uso della FES

A tutti i partecipanti è stato richiesto di inviare il tutto all’Ufficio Formazione del Cnopus entro il 30 giugno al fine di avere il tempo di elaborare delle aggiornate linee guida condivise da presentare al Convegno del Cnopus a Ottobre 2014.

 

A cura di M. L. Giordano

Share:

Autore

Informazioni non disponibili per questo autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *